Leave a reply

CAMEROTA, 5^ festa democratica, Stanziola: Entro fine anno la cilentana sarà completata

festa-democratica-24-settem

 

 

 

Si è conclusa la prima serata della 5^ festa democratica di Camerota dedicata alle infrastrutture, mobilità e risorse idriche. A portare la novità che interessava tutti, ci ha pensato il sindaco di Centola Carmelo Stanziola nonché consigliere provinciale con deleghe al turismo e ai trasporti; dichiarando in una sala affollata di iscritti, simpatizzanti e gente comune che, la strada denominata “Cilentana” sarà completata entro il 31 dicembre 2016, “un sospiro di sollievo e una boccata di ossigeno per il Cilento”.

Il consigliere comunale di opposizione del PD Enzo Del Gaudio ha attaccato l’attuale amministrazione per la questione idrica, a tal proposito è intervenuto Gennaro Maione sindaco di Ceraso e attuale presidente della Consac s.p.a., Maione ha riferito che la consac gestisce le risorse idriche ma la costruzione e la messa in opera delle condotte è a carico delle amministrazioni locali, ha precisato che su Camerota esiste un progetto redatto dalla consac – dopo le sollecitazioni del capogruppo al consiglio comunale del PD Pierpaolo Guzzo che, potrebbe essere oggetto di un prossimo finanziamento Regionale.

Pierpaolo Guzzo nel suo intervento ha rilevato lo stato disastro economico in cui versa il comune di Camerota, ricordando che sono stati spesi risorse non a favore del pagamento delle mensilità arretrate degli operai della Yele, che ieri ancora una volta hanno incrociato le braccia non raccogliendo la nettezza urbana, nonostante un mutuo trentennale per risolvere l’annosa questione, cosa che hanno fatto invece altri comuni del Cilento.

Infine a conclusione è intervenuta Sabrina Capozzolo deputata al parlamento, che ha parlato delle questioni Nazionali.

 

Vincenzo Di Santo


Leave a reply

CAMEROTA: il 24 e 25 settembre parte la 5^ edizione della Festa Democratica

festa-democratica

Proporre e promuovere attraverso lo scambio con i cittadini quelle azioni politiche capaci di disegnare il nuovo Cilento. E’ questo lo spirito con cui nasce la “Festa democratica dell’amicizia”, un ciclo di incontri promosso da AmiciDem, area popolare e della sinistra riformatrice del Partito democratico.

La quinta edizione della “Festa democratica dell’amicizia” si articolerà in una serie di dibattiti che si svolgeranno in due serate presso il lido “Lentiscelle” di Marina di Camerota che vedranno la partecipazione di parlamentari, amministratori locali, giornalisti, imprenditori. “Quest’anno è stato deciso di concentrare su quei temi che sono davvero fondamentali per il rilancio del cilento e della Nazione. Si pensa soprattutto alla necessità di un piano economico per il rilancio del Sud. Investimenti in infrastrutture e risorse idriche, misure di sostegno all’imprenditoria che dovranno contribuire a liberare le energie produttive delle regioni del Mezzogiorno. Ci sarà spazio anche per una serie di incontri sul tema della sanità Campana”

Tra gli ospiti i parlamentari: Simone Valiante, Tino Iannuzzi e Sabrina Capozzolo, i sindaci di Casal Velino,  Centola e Sapri, il presidente della consac s.p.a. Gennaro Maione, il deputato regionale Tommaso Amabile.

 


Leave a reply

TAPPA A MARINA DI CAMEROTA PER LA CAMPAGNA #IODICONO del M5s con Alessandro Di Battista

 

1 2 3 coperttina-io-dico-no

 

Approda anche a Marina di Camerota  la campagna del MoVimento 5 Stelle per dire “NO” al referendum costituzionale #IODICONO che si sta svolgendo nelle località turistiche di tutta Italia.

Ieri venerdì 2 settembre alle ore 19 in Piazza San domenico, Alessandro Di Battista ha fatto un comizio spiegando le ragioni del “NO”.

Il MoVimento 5 Stelle dice “NO” perché la Costituzione non deve essere stravolta da una maggioranza di deputati e senatori che siedono abusivamente in Parlamento. Hanno avuto l’arroganza di mettere mano alla Carta fondamentale del Paese, generando un caos: il Senato resta dov’è, immunità elargita a consiglieri regionali e sindaci, procedimenti legislativi che si moltiplicano. La Costituzione si può modificare ma non così e non ad opera di queste persone. Per questo, quest’estate, abbiamo deciso di girare le località turistiche del Paese: per incontrare la gente e farla riflettere su quale sarà il futuro dell’Italia. Lo faremo, tutti insieme, anche a Camerota.

Troviamo assurdo che si voglia creare un Senato di sindaci e consiglieri regionali part-time. I due ruoli, di sindaco e di consigliere regionale, richiedono già di per sé un impegno che non è conciliabile con ulteriori attività, men che meno legislativa statale. Ci troveremo con senatori non eletti direttamente, ma per fare altro solo da una minima parte della totalità dei cittadini che poi rappresenteranno in Senato.

I cittadini saranno sempre più lontani dalle scelte politiche nazionali. Per non parlare dell’oscenità di estendere anche a loro l’immunità parlamentare! Una riforma costituzionale va fatta, ma non in questo modo e non da questo parlamento illegittimo!

 


Leave a reply

Corso di vela – teoria e pratica.


Leave a reply

Tragedia Palinuro, viaggio nel cunicolo «maledetto»: ecco dove sono morti i tre sub


Leave a reply

Mauro Cammardella era istruttore sub esperto

mauro-cammardella


Leave a reply

Palinuro, tragedia sub, grotta della scaletta trappola mortale

CammardellaMauro grotta scaletta Mauro Tancredi

 

Tragedia a largo di Palinuro. Dopo alcuni problemi legati alla visibilità, infatti, sono state individuate le salme dei tre sub che si erano immersi in mattinata, attorno alle ore 10, per una immersione “a parete” didattica in località Cala del Ribatto, al faro di Palinuro . I tre non erano più emersi, facendo così scattare l’intervento degli specialisti speleo-sub del Comando dei vigili del fuoco di Roma, coadiuvati nelle ricerche dai sommozzatori del Comando di Napoli. “Sono tre sub esperti, sui 45 anni, due sono della zona e uno è di Milano”, aveva riferito il sindaco di Centola , Carmelo Stanziona, una volta partiti i lavori di ricerca dei sub.

Sembrava una mattinata tranquilla ma qualcosa è andato storto. Stamattina erano usciti in 12 per l’escursione, durante la quale – secondo le prime ricostruzioni – uno dei sub, un turista milanese, si sarebbe avventurato in una grotta. Il titolare del centro Mauro Sub di Centola Mauro Cammardella, Mauro Tancredi istruttore dela struttura del Cammardella  (che aveva organizzato l’immersione) e un altro sub esperto lo avrebbero seguito, ssembra Silvio Anzola di Milano. Tutti e tre non sono più riemersi. L’allarme è scattato intorno alle 12.30: sul posto sono accorsi i vigili del fuoco con i sommozzatori e un elicottero, oltre al personale della capitaneria di porto. Sul molo anche il pm di turno e appunto il sindaco di Centola. Le ricerche purtroppo sono state vane: i corpi dei tre sub sono stati ritrovati nel primo pomeriggio. In molti a Palinuro ricordano oggi una tragedia analoga: nel giugno di 4 anni fa, infatti, altri quattro sub morirono dopo essere rimasti intrappolati in una grotta. Ancora proseguono le ricerche di altri 2 sub che si erano immersi con i 3 deceduti.


Leave a reply

Rally del Tirreno: a Villafranca Tirrena vincono Bergantino-Di Vincenzo

Bergantino-Di-Vincenzo-1-300x179 Rizzo-Pittella-1

 

 

 

Dopo una notte di gara e nove prove speciali l’equipaggio laziale ha Nucita-Salvo e Rizzo-Pittella (tutti su Peugeot 207 S200).

I pugliesi Giuseppe Bergantino e Michela Di Vincenzo  (Peugeot 207 S2000) hanno vinto la 13° edizione delRally del Tirreno, conclusasi stamane a Villafranca Tirrena (Messina), da dove hanno preso il “via” a mezzanotte 88 equipaggi, 50 dei quali sono giunti al traguardo.

Alle loro spalle  si sono piazzati i portacolori della Scuderia Phoenix di Santa Teresa Riva (Messina) Giuseppe Nucita e Nico Salvo, pure loro su 207 S2000 così come gli altri messinesi Rizzo e Pittella che hanno occupato il terzo gradino del podio.

Il “via” è stato preceduto da un violento acquazzone abbattessi sulla zona e che ha costretto i team a rivedere le scelte dei pneumatici da utilizzare.

Molte vetture sono partite con gomme da bagnato e stick pronte all’uso, rivelatesi indispensabili nel mezzo della gara essendo cessata la pioggia e con il fondo progressivamente asciugatosi grazie anche al vento di Maestrale.

Il Rally del Tirreno, organizzato dalla Top Competition, è stato valido per la Coppa Italia 3° Zona, per il Campionato Regionale (con coefficente 1,5), e per  il Trofeo Rally Sicilia (Coeff 2), oltre che per il Campionato Siciliano Under 25, ed i Trofei monomarca Peugeot Competition (Coeff. 1,5) e Renault Clio R3 ed R3T.

La cronaca della gara si apre con l’acuto di Nucita-Salvo sul primo tre passaggi sulla “Colli 4 Strade” (lunga 9.50 km) dove al volante della Peugeot 207 Super 2000 della Scuderia di famiglia (la Phoenix ), il maggiore dei fratelli Nucita infligge un distacco di 4,5″ al primo degli inseguitori: Rizzo-Pittella e di 5,2″ ai pugliesi Bergantino-Di Vincenzo, pure loro sulla 207 S200.

Nella successiva (“Rometta” 9,50 km) l’acuto è del laziale Andrea Minchella (navigato dall’ennese Sebastiano Cancaro), che aveva apparentemente risolte le noie accusate dalla sua Fiesta WRC nel corso dello shakedown del mattino precendente, ma che subito dopo lo costringono al ritiro definitivo.  Nucita è a 3,4 e Bergantino a 3″6.

La classifica dei primi tre varia dopo la terza prova (“Roccavaldina” di 8,45 km) con Bergantino e Minchella che in quest’ordine si piazzano dietro al momentaneo leader, il quale vince la speciale davanti ai due equipaggi rivali.

La gara si fa più accesa: Nucita fora l’anteriore destra ed in classifica generale si ritrova terzo a 22″ da Bergantino che vince il secondo passaggio sulla “4 Strade” (seguito da Rizzo a 5,4 e dagli Armaleo con la Clio S1600 a 9,1),  ed è il nuovo leader seguito da Rizzo a 16″.

Il pilota di Santa Teresa Riva tenta di recuperare il gap: vince la “Rometta 2″ ma di un soffio su Bergantino e Rizzo, ne perde 1” sulla “Roccavaldina 2” proprio a favore del laziale, e con Rizzo sempre ad un battito di ciglia. Poi ne guadagna 11 in un colpo sull’ultimo passaggio della “4 Strade” dove Bergantino è solo 5° preceduto da Armaleo, Coriglie (Clio S1600),Rizzo e ovviamente Nucita.

Cambia poco però dopo la “Rometta” 3: la ps la vince Rizzo, Nucita è secondo a 0,6, Bergantino terzo a 1,5 e chiaramente si limita a controllare il vantaggio di oltre 10″ prima dell’ultima frazione cronometrata, la “Roccavaldina 3″ dove Nucita segna l’ultimo scratch della giornata ma con il pugliese alle sue spalle e Rizzo sempre a 3″07.

Si chiude con Bergantino-Di Vincenzo primi con 9″9 su Nucita-Salvo e 16” su Rizzo- Pittella. Dietro il trio di Peugeot 207 Super 2000 che occupano l’intero podio, prima delle S1600 la Clio di Coriglie- Grillo (che hanno compiuto tutto il primo giro con gomme da bagnato), seguiti dalla vettura gemella di Armaleo (padre e figlia). Ottimo sesto Bruno, con Giacobbe, sulla New Clio R3 grazie ad una indovinata scelta di gomme.

 

PROGRAMMA

 

 

  Tempo   Prova km   Leader prova Leader generale
00:54 PS1  COLLI 4 STRADE 1 9,50

 

G. NUCITA

 

G. NUCITA

01:38 PS2  ROMETTA 1 9,50

 

A. MINCHELLA

 

G. NUCITA

02:30 PS3  NEW ROCCAVALDINA 1 8,45

 

G. NUCITA

 

G. NUCITA

04:15 PS4  COLLI 4 STRADE 2 9,50

 

G. BERGANTINO

 

G. BERGANTINO

04:59 PS5  ROMETTA 2 9,50

 

G. NUCITA

 

G. BERGANTINO

05:51 PS6  NEW ROCCAVALDINA 3 8,45

 

G. BERGANTINO

 

G. BERGANTINO

07:36 PS7  COLLI 4 STRADE 3 9,50

 

G. NUCITA

 

G. BERGANTINO

08:20 PS8  ROMETTA 3 9,50

 

M. RIZZO

 

G. BERGANTINO

09:12 PS9  NEW ROCCAVALDINA 3 8,45

 

G. NUCITA

 

G. BERGANTINO

 

 


Leave a reply

ATTIVITÀ SPORTIVA: TUTTO PRONTO PER I TROFEI SUZUKI RALLY CUP E RALLY TROPHY 2016

auto1-rally-trophy

Suzuki Italia ribadisce il proprio DNA sportivo con l’impegno nei Rally nazionali, confermando per la stagione2016 i trofei monomarca dedicati a SWIFT. Invariati nelle formule, anche quest’anno i campionati si propongonocome iniziative accessibili, a alto tasso di adrenalina per tutti i partecipanti, con costi contenuti e un riccomontepremi finale. La presentazione delle attività sportive è avvenuta il 14 febbraio al Lingotto Fiere di Torino

 

Si rinnova l’appuntamento con i trofei Suzuki Rally Cup e Suzuki Rally Trophy, edizioni 2016 dei campionatimonomarca dalla Casa giapponese e dedicati alle aggressive SWIFT 1.6 Sport. Giunti rispettivamente alla nona ed alla terza stagione, Suzuki Rally Cup e Rally Trophy confermano integralmente le formule che ne hanno decretato il successo negli anni precedenti, preannunciandosi anche quest’anno come appuntamenti di sport e spettacolo estremamente combattuti. Come da tradizione ormai consolidata, nel 2016 i trofei Suzukipuntano a offrire a tutti i piloti partecipanti l’occasione di divertirsi in due formule agonisticamente impegnative e con costi realmente accessibili. Competizione e adrenalina saranno i comuni denominatori di entrambi i Campionati, che prevedono un ricco montepremi finale destinato ai vincitori assoluti e ai piloti che si distingueranno nelle singole tappe.

 

Le premiazioni per i trofei 2015 e la presentazione dell’attività sportiva 2016 di Suzuki Italia si sono svoltedomenica 14 febbraio alle 12:30 in occasione della 32° edizione di Automotoretró/Automotoracing presso il Lingotto Fiere di Torino, sala Gialla.

 

I premiati del Suzuki Rally Trophy sono stati: Uliana Alessandro, premiato con 20.000€; Claudio Vallino, che ha ricevuto 14.000€; Gianluca Rao, vincitore di 12.000€; Claudio Gubertini, che è stato premiato con 10.000€; Stefano Martinelli, che ha vinto 6.000€, Sergio Denaro, vincitore di 4.000€; Gianluca Saresera, che ha ricevuto 3.000€; Paolo Amorisco che ha ottenuto 2.000€. Premiato anche il navigatore Alberto Ialungo con 2.000€ e il concessionario Ricci di Pordenone con 2.000€.

 

Il Suzuki Rally Cup ha invece visto vincitori: Marco Cappello premiato con 12.000€, Gianluca Saresera, vincitore di 8.000€; Davide Cagni che ha ricevuto 5.000€; Corrado Peloso, che ha ottenuto 4.000€, Michele Modugno, vincitore di 2.000€ e Paolo Amorisco, che ha ricevuto 1.000€. Premiato anche il navigatore Simone Fabbian con 1.000€.

 

Suzuki Rally Trophy – 3° edizione

 

Dopo il successo della passata edizione, con 16 equipaggi al via, la nuova stagione Suzuki Rally Trophy parte con i presupposti per incrementare la sua notorietà su scala nazionale e internazionale. A testimonianza di questo vi è la grande attenzione mostrata da ACI Sport verso una formula altamente competitiva e, soprattutto, l’entusiasmo dei piloti, con richieste giunte anche da Francia e Germania. Le auto schierate al via sono le SWIFT Sport 1.6 strettamente di serie rientranti nelle specifiche dell’omologazione nazionale (Gruppo R1 e Racing Start) con le quali gli equipaggi al via andranno alla caccia del titolo conquistato nel 2015 da Alessandro Uliana e “Mad Jack” (TRT La Scuderia).

Il Campionato prevede 7 Rally validi, di cui 6 appuntamenti divisi in 2 gare distinte, gara 1 e gara 2. In totale i risultati conteggiati ai fini della classifica saranno 11 (13 – 2 scarti). L’ambito di partecipazione sarà quello previsto da ACI Sport per il Campionato Italiano R1, che si schiererà nei rally di Campionato Italiano (con l’esclusione del Rally Circuito di Cremona, in gara unica e con coefficiente 1,5).

Le vetture ammesse al via sono le SWIFT Sport 1.6 nelle seguenti configurazioni:

 

–       Swift SportFiche n° 0038 ACI Sport con le specifiche della variante R1b

–       Swift Sport (M.Y. 2012)con specifiche tecniche Racing Start

–       Suzuki Swift Sport (Model Year 2012) con specifiche ACI Sport R1B

 

Il calendario Suzuki Rally Trophy 2016

 

20 marzo 39° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio (2 gare)
10 aprile 58° Rally Sanremo (2 gare)
8 maggio 100° Targa Florio (2 gare)
29 maggio 23° Rally Adriatico – terra (2 gare)
10 luglio 44° Rally di San Marino
28 agosto 52° Rally del Friuli Venezia Giulia (2 gare)
25 settembre 25° Rally di Roma Capitale (2 gare)
16 ottobre 34° Rally Due Valli

 

 

Suzuki Rally Cup – 9° edizione

 

La corona Suzuki Rally Cup 2015 conquistata da Marco Cappello e dal navigatore Simone Fabbian (Millenium Motorsport) torna in gioco per la nona edizione del Trofeo, che si conferma un appuntamento atteso e imperdibile per i piloti della specialità Rally. Per le SWIFT Sport 1600in versione R1, il Trofeo prevede nel 2016 la disputa di 7 prove, con sei punteggi utili al fine della classifica (uno di scarto).

L’ambito di partecipazione sarà quello previsto dalla CSAI nel Campionato WRC, con l’eccezione del Rally Circuito di Cremona. Le vetture ammesse al via sono le SWIFT Sport 1.6 nelle seguenti configurazioni:

 

New Swift Sport(M.Y. 2012) Fiche n°0038 var. R1B allestite con le specifiche Gruppo R1 e distribuite dalla Rete Ufficiale Suzuki.

 

Il calendario Suzuki Rally Cup 2016

 

24 aprile 40° Rally Isola d’Elba Internazionale
15 maggio 40° Rally 1000 Miglia
  5 giugno 49° Rally del Salento
19 giugno 33° Rally della Marca
10 settembre 36° Rally Int. San Martino di Castrozza e Primiero
23 ottobre 35° Rally Trofeo ACI Como

 

I costi di iscrizione Suzuki Rally Cup e Rally Trophy

 

Pilota (già iscritto alle precedenti edizioni): € 500,00 + IVA

Pilota nuovo iscritto: € 800,00 + IVA

Navigatore (già iscritto alle precedenti edizioni): gratis

Navigatore nuovo iscritto: € 400,00 + IVA

Il kit di iscrizione prevede per ogni iscritto (pilota o navigatore) n°1 set di adesivi, n°1 Jacket Suzuki + Polo personalizzata e n°1 Tuta ignifuga Sparco personalizzata Suzuki.

Ogni iscritto ai trofei Suzuki Rally Cup e Rally Trophy avrà diritto ad uno sconto del 20% sull’acquisto dei ricambi originali Suzuki presso un Concessionario/Centro assistenza della rete ufficiale.

 

Per informazioni ed iscrizioni ai trofei Suzuki Rally Cup e Rally Trophy:

Emmetre Racing S.r.l. – Corso Govone, 18 – CAP 10129 – TORINO emmetreracing@inwind.itwww.motorsport.suzuki.it


Leave a reply

ARTICOLI 2015

Alberico Gambino chiede la proroga dei fondi POR FESR 2007/2013

 

Con un’ interrogazione registrata al protocollo n. 431 del 4 dicembre, il Presidente del Gruppo Fratelli d’Italia Alberico Gambino ha chiesto alla  Giunta Regionale, e per essa agli assessorati e agli uffici competenti, di conoscere: quali iniziative concrete sono state intraprese per garantire ai soggetti già beneficiari dei fondi POR FESR 2007/2013 di poter proseguire la realizzazione dei cantieri potendo contare su una proroga dei termini di scadenza almeno fino al 31 Dicembre 2016; quali urgenti iniziative concrete intende mettere in atto, supportata in questo dall’intero Consiglio Regionale se necessario, per ottenere e concedere la proroga del termine di scadenza per le opere di cui trattasi; se è percorribile, come estrema ratio, l’ipotesi dei “ Progetti retrospettivi” e per quali importi complessivi ovvero se è stata valutata la possibilità di rinnovare il finanziamento eventualmente non utilizzato di cui trattasi con analoghi fondi, per importo, del POR 2014/2020. “Non può essere minimamente presa in considerazione- scrive nell’interrogazione il Consigliere Gambino- l’ipotesi di procedere alla revoca dei finanziamenti POR FESR 2007/20013 sia per il gravissimo ed irreparabile impatto economico che si avrebbe sui bilanci dei soggetti beneficiari, sia per il gravissimo impatto sociale e di sviluppo che ricadrebbe sui territori interessati. Inoltre privare il territorio regionale di un importo di circa un miliardo di euro significherebbe dare alla nostra economia un ulteriore colpo mortale in un periodo in cui, come testimoniato dall’ISTAT, si  accentua sempre più il divario tra Nord e Sud del paese in termini di PIL. Occorre mettere in campo ogni sforzo possibile in primis per ottenere, e quindi concedere, una  proroga dei termini di scadenza almeno fino al 31 Dicembre 2016 in modo da consentire a tutti i beneficiari di completare le opere e rendicontare la relativa spesa”

 

Ieri 22 gennaio, alle ore 17:00 a Palinuro, piazza Virgilio – sede della Pro Loco – è stata illustrata la guida turistica del comune di Centola. L’opera è stata realizzata in collaborazione nella stesura dei testi e dalla fornitura delle immagini da cittadini del comune, al termine della manifestazione il sindaco Carmelo Stanziola e il vice sindaco Silverio D’Angelo hanno fatto un resoconto dei primi 3 anni di amministrazione asserendo che nella frazione San Nicola è stato realizzato un campo di calcetto; nella frazione Foria si è concluso un accordo con delle aziende vitivinicole e cosa molto importante è partita la bonifica e la messa in sicurezza dell’ex discarica avendo ricevuto un finanziamento di 638 mila euro; nella frazione San Severino invece si è completato l’antico borgo. A Centola capoluogo sono stati ultimati i lavori della piazza e della chiesa del Santo Patrono e ammodernato il convento dei cappuccini nonchè un altro finanziamento è stato ottenuto per l’arredo urbano del centro storico e l’ultimazione del castello di San Sergio. Infine, nella frazione Palinuro è stata ultimata la pavimentazione con pietra locale e potenziata l’illuminazione nel corso Indipendenza, via Belvedere e del porto turistico, la realizzazione del piano spiagge e dei nuovi lidi balneari ha incrementato l’occupazione e quest’anno attraccherà anche il Metrò del mare con 2 linee, l’ex casa canadese ha ricevuto un finanziamento di 500 mila euro per la realizzazione di una sala convegni, infine è stato realizzato il progetto definitivo per la costruzione dell’istituto Alberghiero. L’isola ecologica è stata messa in sicurezza e avrà una pesa per i mezzi pesanti in uscita con il materiale differenziato, sempre nel tema della differenziata il sindaco ha riferito che: è iniziata la raccolta RAEE ( raccolta apparecchiature elettriche ed elettroniche) al fine di ridurre le emissioni di CO2 (riduzione dei gas serra). Inoltre sono stati realizzati tre specifici punti di raccolta, collocati rispettivamente in zona “Saline” , “Lanternone” e “Mingardina”. Questi punti non sostituiscono la raccolta “Porta a Porta” ma è un servizio soprattutto per i turisti che non possono rispettare il calendario.

 

CAMEROTA, Il carro ponte è in fase si smontaggio

 

Il porto di Marina di Camerota torna libero da intralci che ne intaccavano lo spettacolare panorama. Da ieri 16 Aprile 2015, sono iniziati i lavori di smontaggio. La ciclopica struttura in acciaio installata nel centro dell’approdo di Marina di Camerota, noto per i servizi di qualità e  che si fregia da 14 anni ininterrottamente della bandiera Blu d’Europa va via. L’amministrazione comunale capeggiata dal sindaco Antonio Romano riesce quindi a portare a termine un altro importante traguardo. Ripristino del paesaggio e riqualificazione ambientale dell’area: queste le principali motivazioni che hanno indotto la giunta comunale a mettere in vendita il Carro Ponte che, in seguito al bando, è stato venduto ad una ditta di Parma. I servizi portuali non saranno messi in discussione, dal momento che per l’alaggio imbarcazioni si provvederà ad acquistare una gru di dimensioni ridotte, ed idonea alle esigenze dei diportisti e degli operatori del settore pesca. Continua dunque il programma di riqualificazione ambientale del territorio che ha caratterizzato la politica dell’amministrazione comunale. “La difesa e la valorizzazione delle bellezze paesaggistiche insieme alla qualità dei servizi sono le uniche scelte possibili per rilanciare il territorio, anche dal punto turistico – è il commento – del sindaco di Camerota. “In particolare,  ha continuato il consigliere delegato alle attività portuali, Alfonso Esposito – il progetto del nuovo water front, unito al miglioramento degli standard urbanistici delle attività private che stiamo perseguendo attraverso la conversione dei Dehors, permetterà al lungomare di Marina di Camerota di diventare tra i più attrattivi del Mediterraneo“: Proprio l’attenzione alle tematiche ambientali e ai servizi di qualità ha permesso negli ultimi anni alla splendida località Cilentana di ottenere riconoscimenti prestigiosi quali: le 4 Vele di Legambiente, la Bandiera Blu degli Approdi turistici, la Bandiera Verde per le migliori spiagge per bambini, comuni Fioriti e il primo posto per le spiagge più Belle d’Italia 2013 (Cala Bianca), e 2014 (Cala degli Infreschi).

CAMEROTA  Parte la raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici

 

 

Questa mattina a seguito di una conferenza stampa dove hanno partecipato gli assessori Ciro Troccoli (Ambiente) e Domenico Ciorciaro (istruzione), Michele Buonomo (responsabile legambiente) è partito il progetto per la nuova gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici nel comune di Camerota. Da oggi sono attivi gli eco punti sul territorio per il conferimento dei piccoli elettrodomestici presso le attività commerciali.le scuole e gli uffici comunali. Grazie al finanziamento di 23.500 euro ottenuto dal Centro nazionale Raee è stato  acquistato un mezzo per la raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici e sono stati distribuiti i contenitori. Dalla prossima estate il servizio sarà attivo su tutto il litorale di Camerota. Le scuole che avranno fatto la migliore raccolta saranno premiate con riconoscimento “Classi Super Raee”. Un altro passo in avanti per la riqualificazione e il miglioramento della gestione dei rifiuti sul territorio camerotano che si conferma ancora comune pilota nel settore delle politiche ambientali. Prossimamente sarà attivato grazie all’uso del nuovo mezzo acquistato, la raccolta “a chiamata” domiciliare degli elettrodomestici. L’amministrazione insieme ai partner (scuole,operatori turistici,commerciali.associazioni e cittadini,lavoratori del settore rifiuti) nel contesto di una strategia che in questi anni ha messo al centro una nuova cultura fondata sul rispetto dell’Ambiente.

VALLO DELLA LUCANIA Fratelli D’Italia – Alleanza Nazionale –  incontra i Cilentani

 

 

Ieri sera 23 gennaio, ore 18,00, VALLO DELLA LUCANIA, presso l’ex Aula consiliare,  I parlamentari Edmondo Cirielli Alberico Gambino, Antonio Iannone, Marino Fariello e il coordinatore provinciale del partito Michele Cuozzo hanno incontrato i cilentani, per fare il punto sulle problematiche del Cilento e per ufficializzare la candidatura a sindaco di Vallo della Lucania di Mario Fariello delle prossime amministrative. Nel contesto Mario Fariello ha lanciato l’allarme sulla possibile chiusura del reparto  di neuro chirurgia dell’ospedale “ San Luca “ di Vallo della Lucania. Il coordinatore provinciale Cuozzo ha parlato dei fattori interni al partito ricordando che il tesseramento sarà ultimato a fine mese. Antonio Iannone ha lanciato l’allarme sui contributi stanziati per la sistemazione dell’arteria denominata “Cilentana”  della sua amministrazione provinciale (12 milioni di euro) e che a tutt’oggi non sono stati spesi; ha concluso la manifestazione l’On Edmondo Cirielli affermando l’importanza delle prossime amministrative dove con molta probabilità la “leader” Giorgia Meloni sarà candidata a Roma continuando ha ribadito l’importanza del cilento nel settore turistico e nel ridimensionamento del Parco Nazionale che soffoca i cittadini proponendo un’allargamento del perimetro di caccia al cinghiale al fine di evitare altri danneggiamenti alle colture.